Pubblicato 
venerdì, 15 Ottobre 2021
Fabiana Bianchi

No Green Pass a Roma, manifestazioni e scioperi: città blindata a rischio scontri

Aggiornamenti:

***

Oggi 15 ottobre 2021 è una giornata davvero dura per tutto il paese, inclusa Roma, a causa delle proteste no Green Pass. Infatti, anche nella capitale si temono scontri e blocchi in questo venerdì nero per gli scioperi ed i blocchi provocati da chi è contro la decisione del Governo relativa all'obbligo del Green Pass.

Infatti, ricordiamo che proprio da oggi scatta l'obbligo per tutti i lavoratori, sia quelli del settore pubblico sia quelli del settore privato, di essere in possesso del Green Pass, pena la sospensione dal lavoro e multe salate.

In agitazione ci sono soprattutto i portuali e gli autotrasportatori.

Le manifestazioni a Roma, città sorvegliata speciale

Al Circo Massimo è prevista una manifestazione blindata e si attendono tantissime persone, probabilmente in numero maggiore rispetto a quanto dichiarato dagli organizzatori, secondo la Questura, perché il passaparola online è stato molto veloce.

Tutto il centro storico è ben sorvegliato dalle forze dell'ordine, così come tutte le strade principali, le vie che conducono ai palazzi istituzionali ed il tratto dal Grande Raccordo Anulare alla Roma Fiumicino. Anche le stazioni sono monitorate per controllare la presenza di gruppi organizzati contro il sistema Green Pass.

Si temono scontri anche nelle strade che conducono ai luoghi istituzionali e saranno blindati anche i ministeri, considerati obiettivi sensibili.

Per questi motivi, la Questura e la Prefettura hanno negato manifestazioni ai Santi Apostoli e alla Bocca della Verità, luoghi troppo piccoli per cortei del genere.

Circo Massimo blindato

Come accennato, al Circo Massimo si attendono migliaia di persone. Dovrebbero essere circa 2000 in arrivo dalle ore 16.00, ma probabilmente ne giungeranno molte di più. Si parla addirittura di 10000 manifestanti.

Sono stati richiamati dalle cosiddette Sentinelle della Costituzione coordinate dal sindacato Fisi e Edoardo Polacco, avvocato che nei giorni scorsi ha pubblicato tanti appelli.

Allerta alta a Roma

Dunque l'allerta è decisamente alta in città e ci saranno almeno 3000 uomini delle forze dell'ordine a controllare le strade e le piazze, oltre a molti altri in borghese. Se dovesse essere necessario, saranno utilizzati anche elicotteri di carabinieri e polizia.

Si vuole evitare che si ripetano episodi di guerriglia urbana simili a quelli di sabato 9 ottobre quando si è verificato un attacco alla sede nazionale della Cgil di grandi gruppi con infiltrazioni di personaggi dell'ultradestra.

La polizia sta controllando anche i caselli autostradali per evitare che arrivino persone senza l'autorizzazione a manifestare.

Diverse farmacie sono già state prese d'assalto dai No Vax che avrebbero dovuto effettuare il tampone.

Gli obiettivi a rischio

Oltre alle sedi istituzionali, tra cui soprattutto i ministeri, sono obiettivi sensibili anche le Scuderie del Quirinale, il Miur, l'Istituto Superiore di Sanità, le sedi di Cgil e Cisl. In ogni luogo ci sarà un presidio di 15 uomini delle forze dell'ordine e verranno schierati migliaia di uomini provenienti anche dai reparti mobili di Firenze, Bologna e Napoli.

Largo Chigi sarà totalmente blindato e non vi si potrà accedere, come per gli altri palazzi del Governo.

Disagi ai trasporti pubblici

Sicuramente la giornata sarà dura anche per i viaggiatori ed i pendolari perché la chiusura delle strade ed i controlli alle stazioni dei treni rallenteranno i trasporti pubblici.

Bus e metro potrebbero subire rallentamenti se non sospensioni e le strade bloccate non consentiranno, naturalmente, la normale circolazione.

In più, le migliaia di persone in città per le manifestazioni potrebbero rallentare ancora di più tutti i servizi.

Fonte foto: Ansa

Seguici su Google News
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram