10 Giugno 2021

Fabiana Bianchi

Roma e Lazio verso la zona bianca: cosa cambia

Da lunedì 14 giugno 2021 Roma e tutta la Regione Lazio potrebbero entrare in zona bianca ed i numeri di questi giorni sembrano confermarlo.

Secondo quanto riportato anche da RomaToday, infatti, per tre giorni consecutivi la Capitale ha registrato numeri molto incoraggianti perché ci sono stati meno di 90 contagi al giorno e non accadeva da circa sette mesi.

Inoltre, secondo l'ultimo report dell'Istituto Superiore di Sanità l'incidenza dei contagi nella Regione è di 35 ogni 100mila abitanti, quindi quanto richiesto dalla zona bianca (il limite è di 50 ogni 100mila abitanti). In più, anche l'Rt è basso, a 0.65, così come l'occupazione dei posti letto in terapia intensiva che arriva all'11% nel totale degli ospedali di tutta la Regione.

Cosa cambia in zona bianca: no al coprifuoco

Se il Lazio e Roma entrano in zona bianca, cambieranno molte cose. Innanzitutto il coprifuoco verrebbe definitivamente eliminato, senza attendere la data del 21 giugno, che dovrebbe vedere la cancellazione definitiva del coprifuoco per tutta l'Italia.

Spettatori per gli eventi all'aperto

Il Presidente della Regione Nicola Zingaretti ha dichiarato che, se si dovesse entrare in zona bianca, sarà emessa un'ordinanza per portare il limite di spettatori per gli eventi all'aperto da 1000 a 1500 persone. Questo sarà valido sia per la Cavea dell'Auditorium Parco della Musica sia per il Circo Massimo, ma anche per altre location.

Spostamenti

In zona bianca sono consentiti gli spostamenti senza limite d'orario e senza giustificazioni circa le motivazioni dello spostamento, sempre se ci si sposta verso altre zone bianche. Altrimenti, se si va in luoghi zona gialla, non va giustificato il motivo, ma bisogna rispettare le specifiche restrizioni di orario previste ed anche quelle verso le abitazioni private. Ci si può spostare in tutto il territorio, se si è in possesso di una "certificazione verde", il cosiddetto Green Pass.

Divieto di assembramento e obbligo di mascherina

Restano sempre validi il divieto di assembramento e l'obbligo di indossare la mascherina sia al chiuso sia all'aperto. Solo durante i pranzi e le cene la si può non indossare, ma solo mentre si è al tavolo.

Commensali al tavolo

Resta valido il limite di 4 persone al tavolo al chiuso, a meno che non si sia tutto conviventi (in tal caso il numero può essere maggiore).

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram